101 cose su di me – nona parte

Bonsoire! Ho deciso di fare uno strappo alla regola che mi ero data, ovvero non postare nulla fino ad avvenuto rifacimento del blog, perché comunque ci tenevo a partecipare al nono appuntamento del Linky Party di C'è Crisi: sarebbe un peccato mollare adesso che siamo alla penultima parte!
E quindi via coi soliti, randomicissimi 10 punti di oggi:
  1. Il mio manga preferito è Dragon Ball; il mio fumetto italiano preferito è Ratman; il mio fumetto americano preferito è Watchmen (molto bella anche la versione cinematografica a mio avviso).
  2. A volte ho il vizietto di fare la “grammar nazi”. Non è che voglio fare la saputella (qualche errore può scappare a tutti), però non mi piace quando chi scrive malissimo pensa per principio “chissenefrega, tanto si capisce lo stesso”, o peggio “iO sn 1 Ke NN vuoLe sKriveRe Km a skuOLa YOLO”.
  3. Soffro di vertigini, ma solo se la possibilità di cadere dipende da me. Ad esempio, mi fanno molta più paura le scale antincendio rispetto al viaggiare in aereo.
  4. Sebbene mi stia affezionando alla mia nuova città di adozione, non mi sento nè mi sono mai sentita legata ad una qualche identità territoriale. Mia mamma viene da Agrigento, mio padre è un varesotto semi-doc, tutte le estati della mia infanzia e adolescenza le ho trascorse nel Savonese (e tuttora ci ritorno) e il mio compagno è vicentino. A causa di queste influenze, credo che la mia cadenza sia piuttosto indefinita.
  5. Mio zio è veterinario e da una parte mi sarebbe piaciuto seguire le sue orme, ma sono troppo sensibile. Non potrei mai operare un animale, né praticare un'eutanasia. Anche solo mettere il collirio alla mia gatta è stato tremendo per me, dopo lei mi odiava... In compenso ho imparato a riconoscere i sintomi dei disturbi più frequenti degli animali domestici e in linea di massima so cosa va fatto.
  6. So che per molte persone io sarei la classica nerd, ma a me quest'etichetta dà un po' fastidio. Trovo che la moda di definirsi geek, esplosa insieme alla popolarità di una certa sitcom, sia spesso superficiale e contraddittoria. Invece il mio ragazzo ha preso a dirmi che sono un'hipster... e qua non commento!
  7. Capodanno 2011: io e la mia parrucca
    blu. Foto tagliata per rispettare la
    privacy del micaro amico che mi
    faceva compagnia con la parrucca viola!


  8. Vorrei provare a fare cosplay e fabbricarmi i costumi da indossare. Ma un po' mi vergogno e un po' manca l'occasione. Non demordo comunque: chissà, chissà...
  9. A scuola le mie materie preferite erano inglese e scienze naturali/chimica. Devo dire che mi piaceva parecchio anche la letteratura greca, anche se nelle versioni poi faticavo.
  10. Mi piace trovarmi con gli amici, ma quando siamo troppo numerosi (diciamo dai 5 in su) inizio a preoccuparmi di risultare poco gradita e arriva sempre il momento in cui smetto di parlare. Forse è anche per questo che non ho mai avuto una compagnia vera e propria.
  11. Alle mega torte lavorate, per intenderci, “alla Buddy” preferisco decisamente un paio di graziosi cupcake o di macaron coloratissimi.





E per stasera è tutto!

Ne approfitto per ringraziare di cuore chi mi ha sostenuta dopo lo “sfogo” del precedente post: siete impagabili! ♥
Alla fine pare che io stia riuscendo nel mio intento, sapete? Solo che per il momento il lavoro è solo imbastito sul blog di prova. Purtroppo e per fortuna ho un progetto più urgente in cantiere, che sta risucchiando tutto il mio tempo e le mie energie (insieme all'afa micidiale che è sempre di grande aiuto...).
Di che si tratta? Ve ne parlerò presto, insieme al restyle del blog. ;)

Buonanotte e buon weekend!

Insoddisfazione

È da poco più di un mese che ho aperto il mio blog ed è da meno di 10 giorni che ho applicato quello che credevo fosse un layout soddisfacente per i miei gusti e le mie esigenze.

E invece no!
Da ieri provo letteralmente la nausea ogni volta che vi faccio visita.
Davvero posso aver pensato che rattoppare un po' di codici modificandone gli attributi sia degno di una persona che ha appena finito di studiare grafica e web design?
Guardo questo disordinato ammasso di widget e tutti questi script preesistenti che ho copiato e incollato e mi vergogno. Non mi piacciono più neanche i colori!
Trovo che comunque il blog sia funzionale, ma non mi basta.

Vorrei che “Tine the Lazy” fosse qualcosa di cui andar fiera anche per la carriera che voglio intraprendere, e non solo uno spazio personale un po' raffazzonato.
Vorrei che mi aiutasse a crescere e migliorare, dal design all'implementazione del codice, senza tralasciare gli elementi grafici, il disegno e la fotografia.
Non sono così negativa da affermare che finora questa crescita non c'è stata del tutto perché non è vero: ho imparato molto confrontandomi con questa esperienza.
Ma se finora il progresso è stato lineare, adesso è il momento di farlo diventare esponenziale.

Voglio creare il “mio” template, from scratch, con quanti più widget personalizzati possibile.
Mio codice, mio disegno.
È un progetto che non si realizza dall'oggi al domani (non per me almeno), ma ne andrei fiera e ho già iniziato a lavorarci.

Avrei tanti argomenti di cui scrivere, tante cose da condividere, però vorrei farlo all'interno di un “contenitore” che mi è congeniale per davvero.

E voi che rapporto avete con la vostra produzione (che sia digitale o artigianale poco cambia)?
Rimanete soddisfatti sul lungo termine?
Oppure siete ipercritici e addirittura ripudiate costantemente le vostre opere cercando di far sparire le loro tracce?

Le mie prime perle 'macramè'

Continuano le mie (dis)avventure con le paste polimeriche! Questa volta vi mostro un paio di orecchini.

Sono stati realizzati a partire da avanzi di perle effetto macramè (...credo... me lo sono inventato!!!) che avevo cotto qualche tempo fa, abbinate a montature e minuterie bronzee.
Trovo che il bronzo e le tonalità del viola si sposino benissimo: spesso è sufficiente questo abbinamento di colori per catturare il mio sguardo.
Purtroppo l'inesperienza non mi ha permesso di realizzare delle perle perfettamente sferiche. Sto pensando di acquistare un bead roller, oppure di fabbricarmelo.
Qualcuno saprebbe consigliarmi a tal riguardo? :)

101 cose su di me - ottava parte

Buongiorno! Continua la partecipazione al Linky Party di C'è Crisi.
Per fortuna non ho più episodi da recuperare, perciò ecco i soli 10 punti per l'ottava puntata:
  1. Ho praticato equitazione, ma dopo qualche mese ho dovuto smettere per via dell'asma. Il mio amore per gli animali spesso non va d'accordo con le mie allergie :(
  2. Dai 14 ai 17 anni sono stata una otaku sfegatata, di quelle fanatiche e imbarazzanti che se qualcosa non era "giappo" allora non andava bene. Per fortuna sono guarita da questa forma di estremismo nippofilo, pur continuando ad amare il Giappone in maniera più sensata.
  3. Mi piacciono cose come makeup, gioielli e vestiti nel momento in cui mi aiutano a sentirmi più disinvolta e ad esprimere i miei gusti e la mia personalità. Invece non amo vestirmi e truccarmi per “osare”, per essere notata quando passo per strada. Diciamo che mi piace stare tranquilla.
  4. Credo fermamente che un bambino possa vivere meglio con due mamme o due papà piuttosto che in un orfanatrofio.
  5. Anche in World of Warcraft, un videogame a cui ho giocato per anni, il mio personaggio, Tine, è Jewelcrafter. Si tratta di una mera casualità, non ci avevo mai pensato prima.
    Tine in WoW, circa 7 anni fa.
  6. Se vedo una siringa o un laccio emostatico i casi sono due: o svengo o inizio a frignare come una bambina. Eppure tra le mie serie tv preferite ci sono Scrubs, Dr House e Grey's Anatomy. Peccato che non mi aiutino a esorcizzare le mie fobie nella vita vera! Inutile dire che ho qualche problemino ad andare dal medico, infatti sono 11 anni che non ne vedo uno :/
  7. Quando vivevo coi miei ero molto caotica e disordinata. Da quando mi sono trasferita cerco di tenere in ordine anche in modo un po' compulsivo.
  8. Gossip, paparazzate e rivistelle scandalistiche mi danno proprio fastidio. In generale non capisco tutta quest'attenzione nei confronti della vita privata delle celebrità, come se fosse un grandioso argomento di conversazione.
  9. Colleziono i Dylan Dog disegnati da Corrado Roi: il suo stile realistico e i suoi chiaroscuri mi piacciono da matti.
  10. Vorrei partecipare a una sessione di paintball, anche se probabilmente verrei eliminata dopo 30 secondi :P
That's all, folks. Ciaociao!!!

La collana che sorride... più o meno!

Qualche tempo fa tra le foto sul computer di mia cognata avevo adocchiato una collana che mi aveva colpita particolarmente. Così, ispiratissima, ho deciso di creare qualcosa di simile a modo mio, ed ecco il risultato.
La collana che avevo visto era dorata (o d'oro vero, non so) e un po' asimmetrica; io mi sono tenuta sull'argento e sulla simmetria. In parte per mio gusto, in parte perché vincolata dal materiale che possiedo.
Le perline di pietra dura vengono da un vecchio gioiello riciclato.
Quando la guardo indossata mi ricorda un sorriso vagamente strambo. Chissà cosa ne direbbe il mio psichiatra (no scherzo, non ho ancora uno psichiatra)...

Con questo vi saluto e vi auguro di trascorrere un buon weekend. La sottoscritta forse si godrà una grigliata a casa di amici: speriamo!!!

3 Premi + 2 Blog Candies

Finalmente trovo il tempo di ritirare i premi che sono stati assegnati al mio blogghino nell'arco di questo mese. Cosa che mi ha sorpresa e fatto molto piacere!

La regola vuole che chi riceve questi premi racconti 7 fatti personali, ma con la logorrea imperante nei miei appuntamenti a 101 cose su di me direi che nessuno ha bisogno di altre nozioni sulla sottoscritta ;)
Ne approfitto per consigliarvi entrambi i blog di Pe: è una blogger che sa comunicare di sè e delle proprie idee in maniera essenziale e senza falsità, votata a conciliare downshifting e tecnologia, amante di gatti e biciclette.
Potete seguirla su Come sopravvivere in 30mq e su Girly Bike.

Voglio premiare a mia volta qualche blog che amo e seguo, che al momento ha meno di 200 follower (da Google Friend Connect) e che a mio avviso merita di essere conosciuto di più:
  • Elettrarossa: Elettra vive in Irlanda. Crea gioielli e confeziona abbigliamento con grande gusto, il suo blog minimale e curatissimo è fra i miei preferiti.
  • Perle & Vaniglia: entrare nel blog di Paoletta significa immergersi in un mondo gioielloso di filigrane e colori piacevolissimi.
  • Black Baccarat: Marina padroneggia egregiamente la tecnica wire, con essa crea gioielli originali e creativi.

Passiamo al terzo premio, assegnatomi da Tina di La muscetta della torre d'avorio, un blog molto simpatico che ho conosciuto da poco. Il premio è il Super Sweet Blogging Award.
Qui viene chiesto di rispondere a 6 domande specifiche:
  1. Dolce o salato?
    Mi piacciono i dolci, ma di solito son più golosa di cose salate.
  2. Biscotti o torta?
    Dipende dalla stagione. Biscotti (inzuppati nel tè) d'inverno, torta d'estate.
  3. Cioccolato o vaniglia?
    Se è vera e non solo un aroma artificiale, decisamente vaniglia!
  4. Spuntino dolce preferito?
    Al momento qualsiasi semifreddo.
  5. Quando hai maggior voglia di cose dolci?
    A metà mattina, quando gli zuccheri crollano inesorabilmente.
  6. Se tu avessi un soprannome "dolce", quale sarebbe?
    Chantilly.
A questo punto dovrei premiare 13 blog a mia volta, ma ho un problema: l'effetto catena di sant'Antonio mi spaventa un po', spesso mi sono imbattuta in blog che non gradiscono questo genere di cose e non vorrei infastidire qualcuno. Perciò facciamo così: se desiderate ricevere questo premio, contattatemi e appena mi sarà possibile nominerò i 13 blog che a parer mio sono i più "zuccherosi" ;)

Cambiando argomento, vi segnalo due Blog Candy a cui ho deciso di partecipare (ed è la prima volta per me) da parte di blog che ho appena conosciuto grazie a un post di Kilara.
Il primo Candy è organizzato da Lucia di Lufantasygioie, in occasione del primo compleanno della sua micetta Sissi. Se amate le perline e i gatti come me, il blog di Lu fa decisamente per voi!
Ed ecco il Candy di Simona di Perline e Bijoux. Simona è una bravissima "perlinatrice", i suoi lavori meritano davvero uno sguardo (e un follow).

Con questo vi saluto, a presto!

101 cose su di me - sesta e settima parte

Ed eccoci al nostro appuntamento settimanale col Linky Party di C'è Crisi. Con questo ”episodio” mi metto in pari, quindi da settimana prossima basta coi papiri. ;)

Iniziamo coi 10 punti della sesta parte:
  1. Come scuola superiore ho frequentato il liceo classico, ma non mi sono mai sentita parte di una fantomatica elite come accade ad alcuni (soprattutto ad alcuni professori).
  2. Provo un misto di fastidio e disagio quando vedo lasciar correre l'acqua del lavandino inutilmente o lasciare luci e apparecchi elettrici accesi senza motivo.
  3. Il mio attore preferito? David Tennant, tutta la vita!!!
  4. Amo disegnare, quando ho tempo e mi sento fiduciosa. Mi divertono la grafica e la colorazione digitale. Possiedo una tavoletta grafica Bamboo, anche se ormai è un po' obsoleta, ma fa ancora il suo dovere.
  5. Il primo piatto che ho cucinato da piccola sono state le crepes... perché adoravo l'anime di Creamy che davano in TV ☺
  6. Finora mi è cresciuto solo mezzo dente del giudizio: devo pensare che il mio corpo stia facendo un'allusione? :P
  7. Al mattino appena alzata non riesco a far colazione se non a trangugiare un caffè liscio. Poi quando esco la mia pancia inizia a brontolare in pubblico e m'imbarazzo.
  8. Almeno una volta nella vita vorrei fare il master in una sessione di gioco di ruolo classica.
  9. Quando ho fatto i buchi alle orecchie ero così terrorizzata (ho già scritto che sono algofobica?) che appena uscita dal negozio sono svenuta. Però sono felice di averlo fatto perché vado matta per gli orecchini!
  10. Ho studiato un pochettino di spagnolo all'università, quel tanto che mi è bastato a superare l'esame... ma non me la sentirei di dire che “so lo spagnolo”.
Ed ecco la settima parte:
  1. Se avessi qualche soldino in più (giusto quei 2-3 euro... :P), la prima cosa che mi regalerei sarebbe una casetta per le vacanze immersa nella natura, da arredare in stile shabby chic.
  2. A volte mi è più semplice rompere il ghiaccio da “dietro lo schermo”, prima di conoscersi dal vivo. Non a caso alcune fra le persone più importanti della mia vita le ho conosciute online anni fa, giocando ai videogiochi. Me ne vergogno? No, perché dovrei?
  3. Qualche anno fa il mio compagno mi ha regalato una fedina in oro bianco con zirconi lilla. Si tratta dell'unico gioiello che indosso sempre e comunque, insieme a un anellino in argento leggermente più stretto, che mi ha comprato mio padre per evitare che il primo mi si sfilasse dal dito.
  4. Nutro un'antipatia viscerale e autentica nei confronti della pallavolo, nata da anni di figuracce e sfottò scolastici.
  5. Il mio primo giocattolo quando sono nata è stato un pinguino di peluche.
  6. Secondo il test indicatore della personalità di Myers-Briggs io sono INTJ: introverted, intuitive, thinking, judgemental.
  7. Se nessuno mi sente, mi piace cantare... Trattenermi dal farlo in pubblico quando ci sono i Queen, però, mi richiede uno sforzo di autocontrollo abbastanza importante!
  8. Non mi piace il trucco quando “si vede”, ad esempio col fondotinta scuro e pesante, il contorno labbra in vista o le ciglia impiastrate di mascara. Mi sembra sempre strano quando sento di donne che volutamente ricercano questo effetto... eppure esistono!
  9. Apprezzo i film animati sia della Pixar che di Hayao Miyazaki, pur essendo stilisticamente così diversi. A proposito della Pixar, non riesco a trattenere i lacrimoni alla scena di apertura di “Up”!
  10. Rispondere al telefono mi mette ansia: se non sono sicura che si tratta della telefonata di un conoscente stretto o comunque se non è questione di vita o di morte, evito del tutto di alzare la cornetta. Quando in ufficio toccava a me prendere le telefonate dovevo combattere contro questa idiosincresia.
Anche per stavolta è tutto, anzi, diciamo pure troppo...
Alla prossima!

Qualche orecchino dopo un ricco weekend

Questo weekend è stato particolarmente intenso.

Innanzitutto ho rivisto la grafica del blog: ora si avvicina molto di più a come lo vorrei, ma ci sono ancora modifiche da apportare.
Se intanto volete lasciarmi un parere, mi fa molto piacere e vi ringrazio! ☺
Grazie anche e ovviamente per tutti i vostri messaggi, sono rimasta un po' indietro a rispondere.
Il motivo è che sono stata a Varese per fare la conoscenza di mia nipote appena nata.

Ho anche rivisto la mia migliore amica dai tempi del liceo, Chiara. Siccome le era piaciuto un paio di orecchini che mi ero fatta qualche mese fa, ho pensato di fargliene un paio simile e regalarglielo.
Questi sono i miei orecchini, quelli che Chiara aveva visto:
Non sono certo perfetti, mani più esperte avrebbero tirato fuori un lavoro nettamente migliore... Nonostante tutto, negli scorsi mesi mi sono trovata a indossarli spessissimo.

Ed ecco quelli che ho realizzato per la mia amica:
Ho sostituito la perlina chiara con una nera sfaccettata: Chiara voleva dei pendenti un po' più "darkettosi".
Peccato che non disponevo di un filo bronzeo più spesso perché sarebbero venuti molto meglio, ma al momento va così... Magari in futuro li rifarò!

Chiara ha un'attività un po' particolare: cucina biscotti per cani con ingredienti bio. Più avanti vi parlerò nuovamente di lei...

Vi lascio con un'immagine di Fenzy, la mia adorata miciotta, che si gode la bella stagione sul balcone dei miei.

101 cose su di me - quarta e quinta parte

Anche questa settimana partecipo al Linky Party di C'è Crisi, cercando di recuperare 2 appuntamenti da 10 punti l'uno.
In realtà giusto ieri mi sono unita a un altro Linky Party sul blog di Alex, quello a tema Bloglovin: se vi siete creati un account su questa piattaforma, volete farvi conoscere e scoprire nuovi blog, partecipate anche voi!
Passiamo dunque ai punti della quarta parte delle 101 cose su di me:
  1. Nella buona e nella cattiva sorte, ecco gli animali che ho avuto nell'arco della mia vita: 8 gatti, un cane, 3 criceti, 2 pulcini, 2 quaglie, un coniglio, una tartarughina e un cardellino. Qualcuno purtroppo ha avuto vita breve per vari motivi, altri hanno raggiunto longevità da record.
  2. Entrambi i miei genitori sono insegnanti di lettere, ora in pensione.
  3. Il sapore che più mi disgusta è quello dell'aceto, anche in quantità microscopiche. Il secondo è quello dei pomodori crudi (ai quali, comunque, ho scoperto di essere intollerante).
  4. Quando finisce una serie tv che seguo con passione mi porto dietro per giorni una sgradevole sensazione di vuoto. L'ultima volta è capitato con Fringe.
  5. Se non bevo almeno un caffè a metà giornata mi monta un mal di testa insostenibile. Sono decisamente “caffeine addicted”!
  6. Odio le pellicce e non capisco cosa passa per la testa di chi le indossa.
  7. Settimana scorsa sono diventata zia.
  8. A scuola non andavo malaccio... a parte in matematica e in fisica: non mi piacevano proprio e non sapevo come relazionarmici. Adesso che mi sto approcciando ai linguaggi di programmazione rimpiango questa mia leggerezza, anche perché ho scoperto il fascino di queste discipline. Come dice un mio carissimo amico che al contrario di me è un genio, “sono solo numeri, se sai come leggerli ti dicono tutto loro”.
  9. C'è una sottile linea che demarca il confine tra coccole e affetto da smancerie e sdolcinatezze puccipucci gnegnegnè. Chi mi conosce sa che se supera questa linea in mia presenza lo fa a suo rischio e pericolo...
  10. Non riesco a viaggiare senza musica.
Ed ecco i 10 punti della quinta parte:
  1. Ho usato il salvagente fino agli 11 anni (lol), ma ora so nuotare con molta confidenza e non ho paura dell'acqua profonda: potrei stare a galleggiare tranquilla per ore anche se mi venisse un crampo (già successo più volte tra l'altro). Però non ho tecnica e a una gara di nuoto arriverei straultima!
  2. Impazzisco per le fragole, anche per quelle di bosco.
  3. Ho fatto un paio di test per l'IQ (quoziente intellettivo) e da entrambi è emerso come risultato un 121. Non ci credo completamente però, al contrario ho sempre temuto di essere un po' “lenta”...
  4. Odio, odio, odio, odioooooo stirare!
  5. Il mio primo pc è stato un 486 che io e mio fratello ci siamo fatti regalare in comune per i nostri compleanni nel '95 (o giù di lì). Già comunque avevamo avuto il Commodore 64 e l'Amiga.
  6. Forse l'unica cosa che so fare velocemente è leggere un libro che mi appassiona dall'inizio alla fine.
    La mia ultima lettura.
  7. Se ripenso al mio passato da bambina e adolescente, vedo tanta stupidità e arroganza nelle mie azioni e nei miei pensieri. Il risultato è che rimanevo isolata dai miei coetanei. Spero di essere cambiata in meglio crescendo, almeno un pochino.
  8. Ho la pelle molto chiara e per fortuna non vado pazza per l'abbronzatura, però stranamente è difficile che mi scotti al sole.
  9. Mi sentirei estremamente a disagio con un rossetto rosso fuoco o un trucco anni '80.
  10. Adoro i miei suoceri: in loro ho trovato una seconda famiglia e allo stesso tempo degli ottimi amici. Lo stesso vale per la gemella del mio compagno, che è simpaticissima, disponibile e brava in tutto ciò che fa.
E anche per stavolta è tutto, spero di non avervi annoiato troppo.
Buona giornata!

Collanina 'Neko'

Ciao a tutti! Oggi cercherò di vincere la riluttanza che provo a scrivere un post prima di aver implementato la nuova veste grafica per il blog, ma i cambiamenti che vorrei apportare sono numerosi e complessi e per un paio di questi ho ancora le idee confuse sul da farsi, quindi sono costretta a prendermela con più calma.

Voglio mostrarvi una semplicissima collanina che ho assemblato a partire da un gattino in legno proveniente dalla fiera di Abilmente dello scorso marzo: ha gli arti snodabili, lo trovo davvero kawaii.
Ma poi è un gatto, cosa lo dico a fare?!
L'ho semplicemente montato a un cordino doppio e arricchito con un piccolo fiocco.

Questo è l'ennesimo bijoux un po' infantile che adoro vedere appeso al mio porta collane, ma riuscirò mai a indossarlo? Speriamo di sì!...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...